Per consulenze professionali: consulenze@marinobaccarini.it

10_modi_x_promuovere_evento

I Social Media fanno del tuo evento un successo assicurato.

Non c’è differenza fra l’evento organizzato da una piccola azienda e una conferenza per centinaia di persone: entrambi gli eventi possono avvantaggiarsi del passaparola messo in moto dai Social Media. In questo articolo ti rivelo 10 metodi creativi per utilizzare i social media per aumentare le possibilità di creare un evento di sicuro successo. Gli eventi possono essere di tanti tipi diversi: questo articolo non riguarda un tipo di evento in particolare. I workshop sono eventi, le presentazioni di prodotti e servizi sono eventi, le conferenze, le inaugurazioni di punti vendita, le fiere, i discorsi all’interno di manifestazioni fieristiche sono eventi.

1 – Creare video che le persone vorranno condividere

Gli eventi a cui le persone partecipano come feste, presentazioni, happening, mostre, letture, fiere, open day, seminari, coinvolgono i sensi delle persone in un modo che il semplice contenuto online non può emulare. Creare un video accattivante, con immagini, musiche e suoni coinvolgenti, non solo aiuta ad attirare spettatori al tuo evento, aumenta anche le possibilità che le persone vogliano condividere il video con amici e colleghi di lavoro. Di seguito trovi alcuni consigli su come creare un video accattivante: Fai leva su tutti i canali social che conosci e usi per aumentare la possibilità di condivisione, ovviamente inserisci il video anche nella pagina Eventi del tuo blog e del tuo profilo Facebook. Obiettivo: massimizzare l’esposizione! Pubblica il tuo video su canali come Vimeo e YouTube: postarlo su entrambi ti permette di trarre vantaggio dalle caratteristiche di ogni piattaforma. Nella creazione del video concentrati sui valori per i partecipanti, sul motivo per cui devono partecipare all’evento e sugli eventuali vantaggi nel farlo. Le persone partecipano agli eventi per le più diverse ragioni: per incontrare amici e fare nuove conoscenze, per ottenere qualcosa come gadgets e regali, per imparare qualcosa che non sanno e che può risolvere un loro problema. Mi ripeto: il video deve evidenziare i benefici per i partecipanti perché questo è lo scopo principale di questo tipo di filmato destinato ad essere condiviso sui social. Ovviamente questo va fatto evitando di mettere in primo piano l’aspetto “commerciale” che l’evento può nascondere. Se l’evento è l’apertura di un negozio chi partecipa deve poter ottenere facilitazioni, sconti, la possibilità di provare un prodotto, magari in anteprima, senza essere costretto a fare nessun acquisto in particolare ma, se lo desidera, poterlo fare come “occasione da non perdere” per ottenere determinati benefici come sconti allettanti, limitata disponibilità del prodotto, possibilità di trovare “varianti” del prodotto in esclusiva solo per l’evento, ecc.

  • Crea un video corto, la durata ideale è fra 15 e 90 secondi. Pensa ai trailer dei film: mostrano sempre i momenti più eccitanti e sorprendenti e le scene che catturano la tua attenzione.
  • Fai in modo, se possibile, che il video si possa remixare facilmente, permettendo ad altri utenti di utilizzarne parti che possono aumentare la viralità del filmato.
  • Non usare il video per farti una pubblicità invadente: non stai creando uno spot televisivo per vendere i tuoi prodotti! Stai creando un video che piacerà così tanto alle persone che vorranno mostrarlo e condividerlo con tutti.
  • Crea un video galvanizzante, scioccante, tremendamente divertente o emozionante!

2 – Regala biglietti per vincere qualcosa

La possibilità di vincere qualcosa o di ottenerlo gratis attira le persone in modo strabiliante. Perciò, se il tuo evento lo permette, regala biglietti che fanno vincere qualcosa o che permettono di ottenerlo gratis durante l’evento: questo aumenterà il passaparola sull’evento in modo esponenziale! Le competizioni, i concorsi, sono un modo rapido di risvegliare interesse intorno al tuo evento, specialmente se metti in palio premi allettanti! A questo proposito ti ricordo una cosa che ritengo importantissima: non mettere mai in palio sconti su prodotti e servizi! Ricorda che i tuoi prodotti non sono famosi come quelli che trovi sugli scaffali del supermercato e dei quali quasi tutti conoscono il prezzo a memoria! Se non vendi prodotti o servizi di consumo di massa il cui prezzo è visibile su Internet, i tuoi sconti potranno sempre sembrare come una trappola per attirare “clienti sprovveduti”. Solo quando i tuoi potenziali clienti possono confrontare i tuoi prezzi con quelli dei tuoi concorrenti, sei in grado di praticare sconti e dimostrare la trasparenza delle tue offerte. Tuttavia, in questo particolare caso, il mio consiglio è di evitare l’arma del coupon per ottenere uno sconto, salvo che la tua offerta non sia così incredibilmente appetibile: esempio, una notte in hotel 5 stelle a Sorrento per due persone in camera con vista sul mare, cena compresa a … 50 euro, oppure un trattamento completo di manicure, messa in piega con shampoo a 15 euro! Un esempio di come realizzare una competizione. Puoi iniziare pubblicando un post sul tuo blog in cui descrivi il premio e l’evento e le modalità di partecipazione. Nel post puoi invitare le persone a partecipare in due modi: primo, usando una gara con i tweet, secondo rispondendo a una domanda pubblicata sul blog. Altri consigli sull’organizzazione della gara:

  • trova i giudici per la competizione fra il pubblico, usando Facebook ad esempio, questo ti consentirà di estendere la portata della gara, coinvolgendo molte più persone
  • mantieni le procedure per intervenire super-facili per massimizzare la partecipazione, ad esempio un semplice click su un tweet sarebbe l’ideale. Metodi facili e intuitivi quindi.
  • programma la competizione/evento in un giorno e un orario ideali per le vendite ma non solo. Metti il tuo pubblico potenziale prima di tutto per non fare scelte sbagliate. Il tuo pubblico è libero solo la domenica pomeriggio? Organizza il tuo evento in questo giorno, anche se potresti trovare difficile convincere i tuoi collaboratori. Il tuo target, le sue abitudini, ciò che ama e ricerca, deve essere sempre in cima alle tue decisioni. Non è l’evento in se stesso ad essere importante, bensì il tuo pubblico, la community e il suo mood, le persone e la conoscenza delle loro dinamiche sociali sono il segreto per il successo del tuo evento.
  • se disponi di un podcast, considera di usarlo per creare un episodi per spiegare la competizione in dettaglio. In alternativa puoi usare un video semplice ma attraente e pubblicarlo sui canali social come YouTube e Facebook. Quando si tratta di video come la descrizione delle modalità di partecipazione ad un evento, ricorda di “pensare efficace” anziché “pensare in grande”. Questo significa che un video dalla struttura semplice dove una persona gradevole e capace illustra l’argomento, costa meno di un video con “fuochi artificiali” che rischia di non essere efficace e raggiungere il tuo target.

3 – Fai diventare social gli annunci Google

Usi Google AdWords per promuovere il tuo evento? Se hai un profilo Google+ puoi aggiungere l’estensione social ai tuoi annunci. Questo strumento aggiunge credibilità ai tuoi annunci ma ricorda che puoi aggiungere le estensioni social solo sei hai una pagina Google+ verificata, un numero di followers superiore a 100 e altre caratteristiche che ti illustro di seguito. Ecco cosa scrive Google in merito alle le estensioni social: [Le annotazioni e le estensioni social ti consentono di includere informazioni sui follower di Google+ nei tuoi annunci. In generale, per le annotazioni e le estensioni social valgono le stesse regole applicate agli annunci di testo. Per garantire che le estensioni siano precise e appropriate, sono previsti inoltre ulteriori requisiti per l’uso di annotazioni ed estensioni social, come illustrato di seguito.

  • Attività commerciali inaccettabili: al momento, le annotazioni e le estensioni social non sono ammesse per determinati tipi di attività commerciali. Ecco alcuni esempi:
    • Casinò e giochi a distanza
    • Sanità e farmaci
    • Alcolici
  • Solo pagine Google+ verificate: le tue annotazioni ed estensioni social non potranno essere visualizzate finché la tua pagina Google+ non sarà stata verificata.]

Per sapere tutto sulle estensioni social leggi le istruzioni direttamente sulla pagina di Google sulle “Norme pubblicitarie di AdWords” Un’altra pagina della Guida di Google sulle estensioni social che ti consiglio di leggere fino in fondo è la seguente: Visualizzazione degli annunci con gli apprezzamenti della tua pagina Google+

4 – Intervista i relatori per creare contenuti speciali

Una delle ragioni principali che spinge le persone a partecipare agli eventi come i seminari, le conferenze, i workshop, è poter incontrare i relatori. I relatori, dal canto loro, parlando spesso in questo tipo di eventi, aumentano la loro popolarità. Per promuovere il tuo evento, perciò, intervista i relatori e pubblica articoli che in questo modo diventano particolarmente interessanti per un pubblico di settore. Questo modo di promuovere il tuo evento funziona molto bene se hai un podcast di settore. Se intendi usare un podcast pubblica l’intervista con un relatore su argomenti che interessano il tuo pubblico. Solo al termine del podcast ti consiglio di accennare al fatto che il pubblico potrebbe incontrare l’intervistato di persona, partecipando al tuo evento. A questo punto voglio attirare la tua attenzione sul fatto che, in molti casi, l’obiettivo di “vendere” puoi raggiungerlo meglio se non è il focus della tua comunicazione, il punto centrale intorno al quale costruisci tutto il tuo contenuto. Le persone sono sempre più interessate a un feedback che sia reciprocamente vantaggioso, non vogliono sentirsi solo parte di una trattativa dove il venditore cerca in tutti i modi di convincere l’acquirente a comprare. Tutti noi vogliamo essere parte di una relazione interpersonale basata su argomenti e interessi comuni dove ognuno partecipa per arricchire l’altro con la sua esperienza, le sue informazioni, le sue storie, le sue motivazioni.

5 – Scrivi dei post su “Consigli e trucchi degli esperti”

I tuoi relatori/esperti sono fonti di notizie che puoi sfruttare per creare contenuti virali di sicuro successo. Come? Semplice: chiedi loro di scrivere una piccola lista sui loro consigli preferiti, strumenti o prospettive future riguardanti uno specifico argomento legato al tuo evento. Questo genere di articoli è un modo gradito agli esperti, serve ad accrescere la loro popolarità e attira l’attenzione del pubblico perché i pareri dei “guru”, soprattutto quando sono gratis, sono una ghiottoneria da non lasciare scappare.

6 – Promuovi l’evento con una grafica d’impatto

Il contenuto testuale è fondamentale, lo sappiamo. L’aspetto grafico, la “forma” che sceglieremo per presentare il nostro evento lo è altrettanto perché, come viene troppo poco ripetuto, la forma è contenuto, cioè il “modo” di rappresentare le parole comunica tanto quanto le parole stesse. Perciò dobbiamo chiedere a grafici esperti di illustrare il nostro evento nelle varie forme che abbiamo scelto (banner, video, infografica, cartoline, materiali online e offline) in modo accattivante. Dobbiamo anche tenere presente che i relatori, gli esperti, i guru che abbiamo invitato, potrebbero usare la nostra grafica per i loro blog, siti e profili social. Questo servirà ad amplificare il buzz intorno all’evento.

7 – Crea un Tweet per i partecipanti

Le persone che hai invitato sono veramente interessate a partecipare all’evento? Ricorda di chiedere di cliccare su un bottone e spargere la voce fra i loro amici. Creare un bottone Twitter è facile e puoi collocarlo sul tuo sito nella Landing page di ringraziamento per essersi registrati all’evento. Questo link ti invia alla pagina di Twitter dove puoi creare un bottone: ricordati di personalizzare il “testo del Tweet”. Puoi generare un bottone per “condividere un link” oppure un “hashtag” se lo hai già creato in precedenza.

[ctt tweet=”Arriva l’estate tempo di eventi crea un Tweet per i partecipanti al tuo evento e spargi la voce http://ctt.ec/QVN2c+” coverup=”QVN2c”]

8 – Aggiungi alla tua pagina eventi sul tuo sito o blog

Se le persone hanno già iniziato a parlare del tuo evento su Twitter, puoi utilizzare l’estensione social per incoraggiare nuovi visitatori al tuo sito a partecipare. Se hai un sito in WordPress ci sono tanti widget disponibili. Se hai un sito realizzato in WordPress questo è uno dei widget più interessanti: scaricato meno rispetto ai più noti ma graficamente molto bello, versatile e anche in italiano. Mostra i tuoi ultimi tweet e non usa Javascript. Puoi modificarne l’aspetto dalla sua area amministrativa. Come molti dei widget non è super aggiornato all’ultima versione di WP, perciò non mi assumo nessuna responsabilità sul funzionamento. Bastano pochi passi per creare i codici necessari al funzionamento, segui le istruzioni per accedere alla tua area developer di Twitter e creare l’app richiesta. Ecco il link di Juiz Last Tweet Widget

9 – Crea un evento su Facebook

Uno dei metodi più semplici per invitare gli amici al tuo evento è crearne uno su Facebook con l’apposita procedura. finestra di Facebooko sulla creazione evento Su Facebook il profilo aziendale si presenta con questa finestra. Basta compilare i campi e il gioco è fatto. Naturalmente ricordati di invitare tutti i tuoi amici oppure, scegliere dal menu a tendina indicato dalla freccia rossa nell’immagine, la tipologia di destinatari dell’evento fra i tuoi amici. Un evento su Facebook è un modo facile per stimolare gli invitati a condividere l’evento con i loro amici. Ogni condivisione aumenta le occasioni di generare più traffico verso la tua pagina Facebook. Crea un evento su Facebook anche per avere a disposizione un canale per porre domande ai tuoi invitati. Naturalmente ricordati di @taggare i nomi degli eventi negli aggiornamenti di stato della tua pagina Facebook.

10 – Usa il Retargeting FBX di Facebook

Il retargeting è una forma di advertising che permette di raggiungere i prospects che abbiano già mostrato interesse per uno specifico brand o prodotto, avendo già visitato il sito o una particolare pagina, o che hanno compiuto azioni specifiche come scaricare una brochure. Tecnicamente parlando si tratta di marcare con dei cookies gli utenti che visitano il sito o le pagine specifiche, in modo che tali utenti siano identificabili dai servizi di advertising, per il targeting degli annunci. Grazie a Facebook Exchange (FBX), gli inserzionisti oggi possono attivare il retargeting verso quegli utenti che, mentre sono loggati su Facebook, visitano un sito web che sta utilizzando il servizio. In questo modo l’utente viene tracciato e inserito nel target della specifica campagna. Accedendo nuovamente a Facebook, l’utente tracciato visualizzerà nella colonna destra della pagina e anche nel News Feed, un annuncio che promuove il sito visitato o i suoi prodotti. Spero che l’ articolo ti sia piaciuto e sia utile a promuovere i tuoi eventi usando i social media: sono un metodo efficace ma soprattutto conveniente di spargere la voce.

Traduzione dall’inglese e adattamento di Marino Baccarini dell’articolo: “10 Ways to Use Social Media to Promote an Event” scritto da Michael Stelzner e pubblicato il 28/02/2013 su socialmediaexaminer.com

Ringraziamenti per alcune info tecniche a:

www.nowmedia.it
www.cirullo.itwww.gasparotto.biz
www.adage.com
www.mocainteractive.com

Marino Baccarini

Sono un consulente in Comunicazione Aziendale, Web marketing e Social Media Marketing. Aiuto le imprese a creare relazioni con le persone, utilizzando gli strumenti della comunicazione digitale e della comunicazione tradizionale

Ciao, aggiungi il tuo commento al post.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Vuoi avere un’azienda efficiente?

Secondo la famosa affermazione di Bill Gates, "La prima regola di ogni tecnologia utilizzata in un'azienda è che l'automazione applicata...

Chiudi