Per consulenze professionali: consulenze@marinobaccarini.it

come-vendere-prodotti-marketing-con-1-P

Come vendere prodotti che non esistono semplicemente osservando le persone, i loro comportamenti, intercettando i loro bisogni. Credi che sia possibile anche per la tua impresa?

Proviamo a partire da una domanda.

Osservare i cambiamenti sociali significa creare prodotti e servizi inesistenti per bisogni esistenti o latenti.

È più facile cercare di vendere un prodotto del quale le persone non sentono il bisogno oppure capire i bisogni delle persone e offrire prodotti che li soddisfano?

Fare marketing oggi significa anche rispondere a questa domanda. Se per la nostra azienda è più facile investire nella comunicazione tradizionale e cercare di vendere prodotti e servizi a potenziali clienti, nessuno ci vieta di continuare come sempre. Se le cose vanno bene.

Ma se ci  stiamo arrampicando sui vetri perché non riusciamo a capire cosa diavolo sia accaduto negli ultimi anni nella testa della gente, allora proviamo a fare un esempio.

Come vendere prodotti ancora prima di averli inventati.

Perché la passata di pomodoro venti anni fa era disponibile sono in bottiglia grande mentre oggi la troviamo anche in bottiglia di vetro piccola e in confezione da una o due bottiglie?

Ecco alcune risposte. Perché:

  • è aumentato il numero di single che comprano prodotti in confezioni per una persona
  • gli italiani fanno meno figli, i nuclei familiari sono composti da meno persone quindi i consumatori chiedono confezioni per due o  tre e  non solo per cinque o sei persone
  • una volta aperta una bottiglia piccola si usa tutto il contenuto in una o due volte mentre la bottiglia grande può restare in frigorifero anche diversi giorni e la passata ammuffire. Sempre parlando di nuclei familiari piccoli questo significa più risparmio e praticità d’uso.
  • la bottiglia piccola, per le famiglie composte da una o due persone, occupa meno spazio nella dispensa o nel frigorifero e negli monolocali, bilocali o trilocali, lo spazio va ottimizzato al massimo.

Quante cose possiamo imparare osservando gli scaffali della passata di pomodoro e quanti ragionamenti fare!

E quanti cambiamenti, quanti valori, quanti bisogni, quante opportunità dietro una piccola bottiglia di passata di pomodoro.

E quante ricercatori e uomini di marketing, negli ultimi anni, hanno osservato i cambiamenti sociali e hanno capito che era ora di rispondere alle esigenze di un numero crescente di consumatori!

Sono quasi certo che in molti avranno pensato, soprattutto se uomini, che le bottiglie piccole, alla fine, costano di più e contengono meno prodotto di quelle grandi e un’altra marea di obbiezioni, perciò dove sta il risparmio?

Non voglio dilungarmi troppo per rispondere. Un solo consiglio: proviamo a chiederlo alle donne che fanno la spesa ogni giorno! Ma anche agli uomini single che non mangiano al ristorante due volte al dì!

E ora mi rivolgo a te: la tua impresa, ha seguito i cambiamenti dei bisogni delle persone negli ultimi 15 anni?

Se vuoi sapere di più sul Marketing con 1 P, leggi il mio post sul marketing moderno oppure il post su come vendere e fare marketing con 1 P.

Marino Baccarini

Sono un consulente in Comunicazione Aziendale, Web Marketing e Social Media Marketing. Aiuto le imprese a creare relazioni con le persone, utilizzando gli strumenti della comunicazione digitale e della comunicazione tradizionale.

Ciao, aggiungi il tuo commento al post.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Fare Personal Branding vuol dire lasciare un segno.

Il 30 gennaio scorso, su Facebook, Diego Mulfari, co-fondatore di "Mulfarimbianchino", citava Gandhi in una delle sue dichiarazioni più attuali:...

Chiudi