Per consulenze professionali: consulenze@marinobaccarini.it
Share on Facebook7Share on LinkedIn2Share on Google+1Tweet about this on TwitterBuffer this pageEmail this to someone

Nome di bar - Vetrina di bar con riflessi di grattacieli

Il nome aziendale è come un cartello pubblicitario al centro commerciale: visto che pago, voglio metterci tutto quello che ci sta. Nome aziendale, slogan, immagini, indirizzo compreso dominio, email e mettiamoci anche telefono e fax che non si sa mai, ma in piccolo, visto che ho già riempito il 90% del cartello.

Per le aziende che la pensano così, lo stesso ragionamento vale per il nome aziendale: dato che pago, voglio che il nome della mia attività dica tutto quello che faccio.

Il nome deve dare l’idea di tutto quello che produco o di tutti i servizi che offro.

Vuoi sapere come la penso? È quasi sempre impossibile e pure sbagliato!

Solo in casi specifici è possibile e opportuno creare un nome, spesso di prodotto che faccia capire subito la natura del prodotto, quello che fa o i risultati che si ottengono usandolo. Esempio: molti medicinali.

Altro esempio? Molti servizi.

Ma la grande maggioranza di nomi aziendali NON DICE NULLA riguardo al prodotto o al servizio.

Perché? Perché non può e non deve.

  1. Non può perché l’azienda che decide di chiamarsi Fabbrica Italiana Automobili Torino, leggi FIAT, un giorno potrebbe avere la sua sede in America e non produrre più solo automobili.
  2. Non deve perché ognuno di noi ha la sua opinione su tutto, nomi aziendali inclusi, perciò potrebbe interpretare un nome che tenta di dire tutto come qualcosa di incomprensibile. E poi diciamocelo: quale nome aziendale dice tutto? Olivetti? Adidas? Apple? Barilla? Google? Amazon?

Perciò smettila di cercare di inventare un nome aziendale che dica tutto quello che fai. Salvo che tu non produca solo scarponi da alpinista. Allora la tua azienda potrebbe chiamarsi Alpishoes. Però qualcuno allora potrebbe pensare che non sono adatte a scalare il K2 o per fare escursioni sugli Appennini.

Il nome aziendale deve dire qualcosa, deve avere tante caratteristiche, fra le quali essere facile da pronunciare anche al telefono, essere facile da scrivere a penna o digitare sullo smartphone, deve avere un “suo  suono”, una sua musicalità, deve mettere in moto ricordi o innescare curiosità ed emozioni.

E tutto questo di solito lo fa con l’aiuto del logo o marchio e di una tagline, cioè una frase che lo sostiene e, a volte lo spiega, ovviamente, con il supporto di strategie di comunicazione e marketing.

Ecco perché molti nomi aziendali, che siano nomi di società, di attività commerciali o di piccole ditte artigianali, hanno bisogno di una riga di testo accanto al marchio: per esprimere la vocazione della marca, la sua missione, la ragione per la quale dovremmo comprare i suoi prodotti o servizi.

Perciò  il nome aziendale non deve tentare di dire tutto perché il rischio è che non sia un nome aziendale, ma un accrocco di lettere senza personalità che nessuno ricorderà.

Se ti interessa approfondire l’argomento, ho già scritto altri post sul naming o su come inventare un nome aziendale: ad esempio sul nome per un ristorante, sul nome per le agenzie immobiliari, su come scegliere il nome per un’azienda.

Se vuoi sapere di più sul nome della tua prossima azienda, contattami. Sto qua apposta per te.

Marino Baccarini

Sono un consulente in Comunicazione Aziendale, Web Marketing e Social Media Marketing. Aiuto le imprese a creare relazioni con le persone, utilizzando gli strumenti della comunicazione digitale e della comunicazione tradizionale.

Ciao, aggiungi il tuo commento al post.

Leggi articolo precedente:
Le 4 bugie sul Print Marketing

[:it] Il print marketing è vivo e vegeto, ma in pochi ne parlano perché, in realtà non sanno come integrarlo...

Chiudi