skip to Main Content

lonely.jpgLeggo la posta, scarico qualche pdf, leggo le ultime news di settore ma…nulla. Dell’importanza di “ascoltare il lettore” non se ne parla abbastanza. Troppi “esperti e presenti tali” tentano di convincere le aziende che l’importante è scrivere storie (adesso è di moda lo storytelling), raccontare, fare, tentare di vendere la propria immagine, assoldare manipoli di copywriters che facciano acrobazie letterarie per stupire con effetti speciali il malcapitato di turno, il lettore o, per il web, l’utente.

Il ruolo “attivo” dell’impresa resta intoccabile: tentare di vendere qualcosa a qualcuno in qualche modo più o meno trendy…del ruolo “passivo” non c’è menzione. E mi riferisco al ruolo di ascoltatore “attivo” e non già di ascoltatore passivo che, mentre ascolta, pensa a come ficcare la sua prepotente opinione nel discorso (tornando perciò ad essere venditore e non ascoltatore). Comunque: del ruolo di “ascoltatore silenzioso” non c’è traccia. Le aziende vogliono esprimere, raccontare, parlare, mostrare, interrompere, convincere, stuzzicare, invogliare, attrarre, anche in modi clamorosi e stupefacenti, con performances da equilibrista…ma il lettore, il lettore, il lettore, non il potenziale cliente, il semplice, comune lettore, vuole prima di tutto essere ascoltato perchè ha desideri e sogni da esprimere e cose da dire  e tutto questo “bagaglio di informazioni preziosissime per le aziende capaci di ascoltare”, vuole condividerlo a modo suo, con i suoi tempi, modi, orari, stili. In modi anche bizzarri, infantili, stucchevoli e banali, o sorprendenti e inaspettati.

Ma nessuno lo ascolta…

Marino Baccarini

Sono un consulente in Comunicazione Aziendale, Web marketing e Social Media Marketing.
Aiuto le imprese a creare relazioni con le persone, utilizzando gli strumenti della comunicazione digitale e della comunicazione tradizionale

Ciao, aggiungi il tuo commento al post.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back To Top
Read previous post:
Perchè i nomadi digitali non sono imprese?

Stamattina ho ricevuto e letto con piacere un messaggio di Alberto di Nomadi Digitali, che mi invita a leggere, testualmente, ...

Close