Offro soluzioni, spesso originali e consigli a piccole imprese in comunicazione aziendale, web marketing, copywriting, naming, social media, Brand Positioning, SEO.

Vendere molto, guadagnare poco.

Scopri come un aumento delle vendite potrebbe non sempre tradursi in un aumento dei ricavi aziendali. Esplora le cause di questa discrepanza e le soluzioni per migliorare la performance finanziaria.

Vendere Molto E Guadagnare Poco - Immagine Di Manager Disperato.

Se hai cercato su Google il modo per fare soldi velocemente, temo che questo articolo non sia di tuo interesse.

Qui rispondo a una domanda di molti piccoli neo imprenditori che non spiegano perché vendere molto non corrisponda a un aumento dei ricavi.

Se segui il mio blog sai che mi occupo di comunicazione digitale e marketing, non di controllo di gestione né di economia o finanza.

Infatti, questo articolo è collegato a uno specifico sulla vendita e il prezzo “Sei troppo caro”, nel quale offro risposte non convenzionali, quindi insolite e originali sul perchè un cliente non acquista sulla base del prezzo troppo alto.

Parlando di prezzo si parla necessariamente di vendita ma anche di politiche di marketing e di produzione e gestione aziendale nel suo significato più ampio.

In quel post faccio notare come moltissimi piccoli e neo imprenditori non abbiamo dimestichezza con i fondamentali di ciò che fa vendere e generare profitti: il marketing e il controllo di gestione che analizza e monitora la perfomance aziendale.

E questo è un problema enorme, gigantesco, perfino tragico, in una società basata non sulla produzione come molti credono ma su come riuscire a vendere tutto ciò che viene prodotto.

È un problema ancora più grande in una nazione come l’Italia dove le imprese che generano valore sono micro e piccole imprese.

Come riportava Italia Oggi nei suo articolo del novembre 2021, nel 2019 le imprese industriali e dei servizi in Italia erano 4,2 milioni e generavano un valore aggiunto di 826 miliardi, in crescita del 2,4% sul 2018 (+1,8% nell`industria in senso stretto, +2,4% nei servizi e +5,8% nelle costruzioni). Occupavano 16,9 milioni di addetti, ma il 94,8% delle aziende industriali e dei servizi aveva meno di 10 addetti.

Infografica - Nel 2019 quasi il 95% delle imprese italiane aveva meno di dieci addetti.

È possibile che un aumento delle vendite non corrisponda a un aumento dei ricavi?

Certo che è possibile e può dipendere da varie circostanze che illustro brevemente per offrirti uno spunto di riflessione al posto di soluzioni preconfezionate.

Prima di mostrarti l’elenco delle cause, però, vorrei invitarti a soffermarti su qualcosa che forse conosci molto bene o che hai solo sentito menzionare ma non ti è chiaro come funziona.

Differenza tra ricavi e guadagno

I ricavi e il guadagno sono due termini che si riferiscono a grandezze economiche, ma hanno significati differenti. Ecco le principali differenze tra i due:

I ricavi rappresentano l’importo totale di denaro che un’azienda guadagna dalla vendita di beni e servizi, al lordo dei costi fissi e variabili. I ricavi si calcolano moltiplicando la quantità di vendita per il prezzo di vendita netto. In parole povere, se il mese scorso hai venduto 100 unità di prodotto a 340 euro cadauno, il tuo ricavo è stato di 34.000 euro (100×340).

Il guadagno, invece, rappresenta la differenza tra i ricavi e i costi di gestione di una determinata attività. Il guadagno è dato dalla differenza tra il valore del prodotto o del servizio erogato (ovvero il prezzo di vendita) e i costi di produzione o di acquisto delle materie prime.

In altri termini, se il mese scorso hai venduto 100 unità di prodotto incassando 34.000 euro e i costi per produrre 100 unità ammontanto a 20.000 euro, il tuo guadagno è stato di 14.000 euro.

– I ricavi sono una grandezza di flusso, che indica solo virtualmente un’entrata di denaro, che si attuerà solo al momento dell’effettivo pagamento da parte dei clienti. Il guadagno, invece, è una grandezza di risultato, che indica il profitto effettivo ottenuto dall’attività.

– I ricavi sono una discriminante fondamentale nella valutazione della capacità di generare reddito di un’azienda, mentre il guadagno è un indicatore della redditività dell’attività.

In sintesi, i ricavi rappresentano l’importo totale di denaro che un’azienda guadagna dalla vendita di beni e servizi, mentre il guadagno rappresenta il profitto effettivo ottenuto dall’attività, dato dalla differenza tra i ricavi e i costi di gestione.

Ora veniamo ai motivi alla base della differenza tra vendite e ricavi.

  1. Sconti e promozioni – La guerra dei prezzi che si manifesta appieno in campagne pubblicitarie che offrono sconti, promozioni, coupon e taglio dei prezzi allo scopo di acquisire clienti nuovi, può portare a un aumento delle vendite, ma a un prezzo inferiore, riducendo così i ricavi totali.
  2. Un aumento dei costi di produzione, distribuzione o marketing, in concomitanza con l’aumento delle vendite, può ridurre i margini di profitto, comportando un aumento delle vendite senza un corrispondente aumento dei ricavi.
  3. Resi e rimborsi possono ridurre i ricavi totali, nonostante l’aumento delle vendite.
  4. Un cambiamento nel mix di prodotti, con un incremento nelle vendite di prodotti a basso costo o margine inferiore (prodotti a basso margine), può non tradursi in un aumento proporzionale dei ricavi.
  5. Le fluttuazioni dei tassi di cambio possono influenzare i ricavi quando i proventi esteri sono convertiti nella valuta locale, portando a un divario tra le vendite in valuta estera e i ricavi convertiti nella valuta della sede principale.
  6. Problemi di credito, come ritardi nei pagamenti o insolvenza dei clienti, possono impattare negativamente sui ricavi.
  7. Cambiamenti nelle politiche contabili, come modifiche nell’allocazione dei ricavi nel tempo, possono influenzare la registrazione dei ricavi e causare un divario tra l’aumento delle vendite e l’aumento dei ricavi.

Nel mio piccolo ho cercato di evidenziare l’importanza di considerare sia l’aumento delle vendite che l’impatto su altri aspetti finanziari, come i costi e la gestione dei ricavi, per valutare con precisione la salute finanziaria di un’azienda.

Le grandi imprese non hanno difficoltà, in genere, ad analizzare andamento delle vendite in rapporto a costi, ricavi e guadagni, disponendo di esperti nel controllo di gestione e nell’analisi finanziaria.

Le micro e piccole attività, al contrario, spesso non pongono sufficiente attenzione a questi aspetti, perciò dovrebbero fare molto di più per formare personale interno e avere sotto controllo un’area di fondamentale importanza per la crescita e il successo di un’impresa come il controllo di gestione.

Soluzioni per garantire che vendite e ricavi corrispondano

Un imprenditore che non ha familiarità con il controllo di gestione, la lettura del conto economico e altri aspetti cruciali può comunque adottare alcune soluzioni per cercare di garantire che le vendite corrispondano ai ricavi.

Ecco alcune azioni:

1. Formazione e Apprendimento – L’imprenditore può investire tempo nella propria formazione e apprendimento. Ci sono numerosi corsi online, libri e risorse gratuite che insegnano i fondamenti della gestione aziendale, della lettura dei conti e del marketing. Anche partecipare a seminari o workshop locali può essere utile.

2.  Assumere Consulenti Esperti – L’assunzione di consulenti esperti in gestione aziendale, contabilità o marketing può essere un’opzione valida. Questi professionisti possono fornire consulenza e assistenza nell’ottimizzazione delle operazioni aziendali, nella gestione finanziaria e nella definizione di strategie di marketing efficaci.

3.  Sistemi di Gestione Aziendale – L’uso di software di gestione aziendale può semplificare molti aspetti operativi, compresa la contabilità e la gestione finanziaria. Molti di questi sistemi includono strumenti di reportistica che aiutano a monitorare le vendite e i ricavi.

4. Collaborazione – Collaborare con altri imprenditori o partner commerciali esperti può portare a sinergie benefiche. Questa collaborazione può comportare lo scambio di conoscenze e l’accesso a risorse che possono contribuire a migliorare le prestazioni aziendali.

5.  Analisi dei Dati – Utilizzare dati e analisi può aiutare l’imprenditore a comprendere meglio le dinamiche delle vendite e dei ricavi. Anche strumenti di analisi web e social media possono fornire informazioni preziose sul comportamento dei clienti.

6. Ascolto del Cliente – Ascoltare attentamente i feedback dei clienti può aiutare a identificare le aree in cui è possibile migliorare i prodotti o i servizi per massimizzare i ricavi.

7. Semplicità – Mantenere le cose semplici può essere una strategia efficace, specialmente per un imprenditore senza competenze specifiche. Concentrarsi su prodotti o servizi chiaramente definiti e su mercati di nicchia può semplificare la gestione e la promozione.

8. Outsourcing – In casi in cui l’imprenditore non si senta a suo agio nell’affrontare attività specifiche, come la contabilità o il marketing, può essere utile considerare l’outsourcing. Ad esempio, l’assunzione di un commercialista o l’ingaggio di un’agenzia di marketing esterna possono garantire che queste funzioni siano gestite in modo professionale.

9. Pianificazione Strategica – L’imprenditore può cercare di definire una chiara visione e una strategia aziendale, anche se di base, per guidare le decisioni e le azioni.

10. Rete di Supporto – Creare una rete di supporto di altri imprenditori o mentor esperti può essere una risorsa inestimabile. Questi individui possono offrire consigli e condividere le proprie esperienze.

In definitiva, mentre l’acquisizione di conoscenze e competenze nel tempo è sempre consigliabile, un imprenditore può adottare diverse strategie per migliorare l’allineamento tra vendite e ricavi, anche se non è un esperto in gestione aziendale o marketing. La chiave sta nell’essere disposti a imparare, adattarsi e cercare aiuto quando necessario.

Prima lasciarti voglio aggiungere una breve considerazione su due termini ricorrenti in questo articolo e in quello intitolato Sei troppo caro, per allontanare il dubbio che “gestione aziendale” e “controllo di gestione” siano sinonimi.

“Gestione aziendale” e “controllo di gestione” non sono sinonimi, anche se sono correlati e spesso si sovrappongono in alcune aree. Ecco le differenze principali tra i due concetti:

Gestione Aziendale

   – La gestione aziendale riguarda la direzione, l’amministrazione e la supervisione delle attività complessive di un’azienda.

   – Questo campo comprende la pianificazione strategica, la definizione degli obiettivi aziendali, la gestione delle risorse umane, la definizione delle politiche aziendali, il marketing, la produzione e altri aspetti chiave dell’attività aziendale.

   – La gestione aziendale ha uno sguardo più ampio e strategico sulla direzione dell’azienda nel suo insieme.

Controllo di Gestione

   – Il controllo di gestione è una parte specifica della gestione aziendale che si concentra sull’analisi, il monitoraggio e il controllo delle prestazioni aziendali al fine di raggiungere gli obiettivi e migliorare l’efficienza operativa.

   – Questo campo riguarda la misurazione delle prestazioni, la valutazione dei risultati rispetto agli obiettivi, l’identificazione di variazioni o scostamenti e l’implementazione di misure correttive.

   – Il controllo di gestione è più orientato all’analisi e al controllo delle attività aziendali per garantire che si stiano raggiungendo gli obiettivi stabiliti.

In sintesi, mentre la gestione aziendale si riferisce alla gestione complessiva dell’azienda e alla definizione delle strategie a lungo termine, il controllo di gestione è una parte specifica di questo processo che si concentra sull’analisi e sul monitoraggio delle prestazioni aziendali a breve termine per garantire l’allineamento con gli obiettivi e apportare correzioni, se necessario.

Entrambi sono importanti per il successo di un’azienda anche di piccole dimensioni, ma hanno obiettivi e focus diversi.

Clicca sui bottoni per altri post sui seguenti temi

Come guadagnare di piùConsigli per Piccole ImpresePianificazione Aziendale

Questo articolo è stato utile? Aiutami a consolidare la mia reputazione: condividilo!

Offro soluzioni, spesso originali e consigli a piccole imprese su temi relativi a comunicazione aziendale, web marketing, copywriting, naming, social media, Brand Positioning, SEO.

Le mie competenze sono a disposizione di aziende e professionisti che desiderano creare relazioni con potenziali clienti impiegando i mezzi della comunicazione crossmediale, il Web Marketing e il Social Media Marketing.

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su